RSS

“TORNEREMO ITALIA” PROGRAMMA ME-MMT DI SALVEZZA ECONOMICA PER L’ITALIA

25 novembre 2012

Politica Nazionale

Cè chi dice NO alle banche e alle lobby, ma sopratutto No alla riduzione di una Nazione come l'Italia a paese del terzo mondo. Prova è il fatto che da quando l'Italia, grazie a scelte politiche scellerate ha adottato l'Euro come moneta, il REDDITO PRO CAPITE è DIMINUITO per la stragrande popolazione italiana.

Oggi siamo in una fase di recessione economica e politica. L'obiettivo della TROIKA (Fondo Monetario Internazionale, Banca Centrale Europea, Unione Europea) è portare le Nazioni attraverso le politiche economiche di RIGORE ad un aumento della disoccupazione, ad una diminuzione dei diritti delle persone che lavorano, al controllo totale delle scelte economiche-politiche delle Nazioni. Ottenere a prezzi stracciati i gioielli di famiglia delle Nazioni da spolpare, ottenere all'interno di queste Nazioni territori a Zona Franca dove impiantare Multinazionali  senza avere il rispetto dei contratti e protezioni per i LAVORATORI. Creando attraverso la fame, la guerra tra poveri che saranno disposti per dar da mangiare ai loro figli di lavorare a prezzi sempre più bassi e a diritti completamente assenti. Questo stà già accadendo in Grecia, molto presto toccherà al Portogallo, Spagna e ITALIA. Prova ne è la riforma del lavoro approvata dal Governo delle banche e dei servi loro asserviti. Vi dice niente il contratto di lavoro che la FIAT e altre imprese MULTINAZIONALI hanno imposto agli operai? Per una persona che ha voglia di informarsi nel programma della MMT di spunti di riflessione ce ne sono tantissimi. A chi legge valutare questo programma.

 

CLICCA QUI PER LEGGERE IL PROGRAMMA

 

698 letture

One Response to ““TORNEREMO ITALIA” PROGRAMMA ME-MMT DI SALVEZZA ECONOMICA PER L’ITALIA”

  1. Claudio Says:

    ecco, questo intendo quando dico che le "fisse" non servono a nulla e non ti rendono credibile. Qui in questo aricolo NON te la prendi con un(sempre lo stesso) soggetto, e ti assicuro che fa un altro effetto leggerlo. te lo assicuro. Scrivere ciò che si pensa è un diritto ma un minimo di equilibrio e di onestà intellettuale serve sempre.

    Reply

Leave a Reply

*